"Io sono sulla via del Mio ritorno"
Sabato, 3 Marzo 2007, ore 16.50 – Messaggio del Signore Gesù

“Povera anima Mia ascoltami, oggi ti aspettavo qui ove lo spirito acceso su di te, tu sei stato chiamato per servire il tuo creatore, per questo sei rimasto solo.
A te chiedo, prega, fai pregare perché nessuno è perfetto alla Mia Presenza. Ti chiedo atti di adorazione, suppliche con cuore per Mio figlio prediletto V. Ti ho dato una missione da compiere molto difficile, anche se soffri devi compierla, è tuo dovere salvare le anime che Io ti ho affidato. Ricordati il messaggio del 25 Marzo 2006 leggilo.
Ricordati che nella Mia Chiesa, molti contrasti stanno accadendo, proprio per quella missione affidata ai Padri Salesiani. E’ una missione difficile, ma è necessaria perché il tempo è giunto alla Mia ora e per il trionfo del Cuore Immacolato di Maria che passerà attraverso la tribolazione e la purificazione dell’umanità. Desidero anime oranti, anime sante, che si offrono a Dio Padre.
Pregate il Santo Rosario. Vai, corri, fai pregare, prepara la gente, che non si trovi sprovvista, perché Io sono sulla via del Mio ritorno. Benedicendoti, sono Gesù per voi”



"Presto voi vedrete una nuvola nera che invaderà la terra"
4 Marzo 2007, ore 8.30 – II Domenica di Quaresima - Messaggio del Signore Gesù

Giuseppe Auricchia: “Sono alla santa Messa, durante la consacrazione ho visto una luce meravigliosa davanti ai miei occhi. Ho visto Gesù e mi ha detto, “Guarda e scrivi”.
Ho visto la terra come una terra ruotare divisa in tre parti. Ho visto animali diversi, erano squarciati e buttati a terra. Ho visto grandi uccelli come mostri, che scendevano verso terra, simile alla visione avuta a Mammaledi il 7 Ottobre 1996.”

“Scrivi, sono Io ora te lo ordino. La palla che vedi è il mondo diviso che non Mi crede più.
Ti invito in questa Quaresima, mangiate con Me questa Pasqua, non sapete se sarà l’ultima Pasqua.
Questa Pasqua sarà piena di sangue per l’odio degli uomini. Ogni Pasqua che mangerete può essere l’ultima Pasqua.
Presto voi vedrete una nuvola nera che invaderà la terra, è satana che vuole distruggere l’umanità, la Mia Chiesa e i ministri di Dio.
Molti dei miei sacerdoti Mi abbandoneranno per paura della persecuzione. Nella Mia Chiesa molti crocifissi saranno spezzati e buttati a terra, tuniche abbandonate, i figli eletti saranno chiamati ad essere i nuovi apostoli, e molti discepoli raccoglieranno i crocifissi spezzati e le tuniche, e li porteranno alla Mia Santissima Madre.
Io, Gesù Eucaristico, voglio sacerdoti buoni e santi che si immoleranno per la Santa Chiesa, radunerò sacerdoti e figli prescelti, li farò incontrare nel Mio divino amore: li terrò sempre uniti con Me sotto il manto della Mia Santissima Madre. La Mia opera avanza, vado in mezzo agli uomini e li presenterò al Padre Mio. Benedicendoti, Gesù Cristo.”



"Qual è la strada che devono prendere questi giovani ?"
Giovedì 8 Marzo 2007, ore 8.45 – Messaggio del Signore Gesù

Giuseppe Auricchia: “Sono in chiesa per la Santa Messa, alla consacrazione ho visto Gesù sofferente molto triste, cosi mi dice:”

“Anima Mia ascoltami e scrivi, non so ancora quanto dovrò patire per coloro che Mi offendono, Mi disprezzano, Mi contraddicono con orgoglio, superbia e menzogna. La Mia parola è Santa e Benedetta, è parola d’amore che vi dà la vita.
Questa generazione vuole sostituirsi al Mio insegnamento, al valore proprio, e non al Mio valore d’amore e divino.
Qual è la strada che devono prendere questi giovani? E’ la Mia!
Stretta, pietosa e spinosa, che porta alla salvezza della propria anima. Quella larga è quella della perdizione oscura e tenebrosa. Venite giovani unitevi al Padre, Lui vi aspetta e farà di voi un giardino profumato dell’amore del suo divino Cuore. Venite alla Mia Santissima Madre, che vi prenderà per mano e farete una corona, non di spine pungenti come oggi, ma di rose profumate.
Ella vi coprirà con il suo manto e vi porterà nel Regno dell’amore. Benedicendoti Gesù Cristo”



"Il sacerdote deve essere un'anima che incontra l’Amore"
San Damiano (San Giorgio Piacentino) lunedì 12 Marzo 2007, ore 09.45 – Messaggio del Signore Gesù

Giuseppe Auricchia: “Mi trovo a San Damiano, sul luogo dove appare la Madonna, pregavo intensamente per G., sua figlia, per P.V., per S., e ho visto Gesù molto triste, cosi mi dice:”

“Grazie figlio, questo luogo è benedetto e santo. Voglio che leggete i Miei messaggi d’amore e quelli della Mia SS Madre, meditateli produrranno grazie, leggeteli tutti i giorni affinché Io ritorni a voi.
L’amore Mio per essere ricevuto deve essere desiderato, l’amore discende in voi in attesa di Me e della Mia parola, la Mia parola è vita per tutta l’umanità.
Guai a chi non sappia che la Mia parola di vita è amore che cerca in voi un continuo pensiero di pace, di sacrificio, di gioia donato a voi e per voi, e alle povere anime che sono lontane da me.
Scrivi, i Miei sacerdoti sanno che Io, Gesù Eucaristico, sono pane per loro, e per le loro anime. Sono una preda d’amore per la quale essi passeranno una prova di fede in Me.
Povera anima Mia non sarai escluso nemmeno tu, di questa fede d’amore con la Mia Grazia che sarà luce per le tenebre di questo tempo di passione e penitenza, siete con Me e dietro di Me.
Venite in Me, voi anime Mie, perché tutte voi partecipate al Mio Amore Eucaristico.
Unitevi alla Mia passione e bramate la Mia Parola che essa tornerà a voi dopo la prova, come acqua sulla terra, come una lacrima lunga e desiderata.
Ora è tempo di silenzio, di raccoglimento e di preghiera. Quando bramate la Mia parola che vi da vita, ricordatevi che a voi è stata donata. Quando ritornerò a voi sacerdoti, effonderò con larghezza il Mio Spirito perché voi vedete Me e lo donate a Me.
Pregate, pregate... perché Io, Gesù, Mi rivelerò a voi con misericordia e amore, pregate per l’umanità intera, pregate per i deboli perché sono tristi, pregate per voi stessi perché vi amiate, vi comprendiate e vi perdoniate.
Il sacerdote deve essere un'anima che incontra l’Amore, il sacrificio umano, un Amore di unione, di fusione, padre e figli per mezzo di Me, unico Figlio.
Il cielo e la terra tra le braccia del Padre Mio piene di amore, in cui Dio è nelle anime e le anime in Dio. Questa fusione del Mio cuore è Gesù Sacerdote Eterno, che io lascio a voi sacerdoti, tabernacoli viventi, che voi portate alle anime sofferenti Gesù Eucaristico.
Ora vai figlio, ti do questo messaggio di amore, portalo a tutti i sacerdoti, spetta loro aprire la porta affinché Io entri, sappiano attendere con fiducia.<
Figlio, ti ho detto stamani nella chiesa, ai piedi della croce: coraggio, coraggio, sono con te.
Dimmi figlio Mio quando mai ti ho lasciato solo?
Nelle tue pene, nella tua sofferenza ti ho mandato sempre aiuto, per questo dovete sempre amarvi di cuore. Ora è scesa la sera, ora è notte per te, siate sempre lampade accese davanti a Me, lampade d’amore della Mia parola e vivrete con il Mio Amore. Benedicendoti, Gesù Eucaristico”



"Da voi desidero amore"
Sabato 17 Marzo 2007, ore 05:30 – Messaggio del Signore Gesù

Giuseppe Auricchia: “Vedo Gesù molto triste e mi dice:”

“Giuseppe voglio che tu scrivi per i Miei sacerdoti che in questa Quaresima parlino di Me come una volta. Desidero che questa santa grazia giunga a loro e a voi che ascoltate.
Sacerdoti, voi siete e sarete sempre i depositari e custodi dei beni della Mia Chiesa, voi distribuite con saggezza e amorevolmente i tesori di grazia. La mano dell’Onnipotente Padre Mio è misericordiosa che dà a voi sacerdoti.
Sacerdoti, voi dovete effondere e diffondere il Mio messaggio di amore, raccoglietevi, riunitevi con i miei chiamati, andate, portate, donatemi ai fratelli.
Dirigetevi verso quella direzione, cioè, nord, sud, est, ovest che formano la Mia Croce. Quella Santa Croce per la quale Io Gesù, Vittima Redentore, vi ho salvati e vi salverò.
Fate, sacerdoti Miei, che il Mio messaggio di amore giunga all’amore del Padre con la santa grazia e benedizione che Io, Gesù, per mezzo Suo farò discendere dai cieli su di voi sacerdoti e su tutti i Miei chiamati. Io vi accolgo sul Mio cuore di Padre, da voi desidero amore, molto più amore, da voi desidero carità, generosità, voi che vi immolate e vi offrite al Padre.
Come Io, Gesù, mi dono a voi, come Io, Gesù, nelle vostre mani di sacerdoti e voi sacerdoti nelle Miei mani di sacerdote Eterno, voi docili al Mio invito.
Voi ubbidienti nel vostro fiat, voi umili per Me, perché voi siete stati scelti da Dio a consolare e donare a portare Colui che è Vita, Verità e Vita.
Ecco Io vengo a voi, per restare con voi ovunque affinché tutti i fratelli possano vivere in Me. Gesù Salvatore! Gesù Eterno!
Ai chiamati che accolgono il Mio invito ripeto le parole che rivolsi ai primi chiamati:
“Chi vuol venire dietro a Me, rinunci a se stesso, prenda la sua croce e mi segua”.
Gesù chiede amore, abbandono fiducia in Lui. Fede che cresce, che forgia, che si irrobustisce sotto l’azione della Sua Gloria.
Io Gesù chiedo ha voi docilità, perché possa operare nel anima vostra secondo i desideri del Mio Cuore. Gesù desidera che ogni anima impari a parlare di Lui. Gesù desidera ardentemente parlare a ciascuna anima. Gesù parla, Gesù insegna a parlare con te, perché vive in te. Giuseppe queste sono le carezze del tuo Gesù, parla, testimonia la Mia Parola. Benedicendoti Gesù Cristo”



"Lasciati guidare anche dal tuo Angelo"
18 Marzo 2007 – IV Domenica di Quaresima – Messaggio del Signore Gesù

Giuseppe Auricchia: “Sono tornato dalla Santa Messa, non mi reggo più in piedi, vedo Gesù così mi dice:”

“Non puoi salire quel monte, non hai la forza. Io non ti lascio, te l'ho promesso.
Ora tra i dolori e sofferenza, sei più sereno, sei meno debole, Io veglio su di te, ti guido, sii più docile ai Miei richiami.
Lasciati guidare anche dal tuo Angelo ed Io ti verserò tanto Amore nella tua anima. Gli angeli ti infonderanno più forza nelle prove, ti difenderanno dai pericoli. La notte ti sta vicino, ti parla a nome Mio, ti rivela quanto Io desidero e tu a Me obbedisci con amore, verrai a Me ti aspetto, con la Mia Mamma, ci incontriamo per la Sua materna mediazione.
Io sarò là, in croce e tu Mi riconosci con fiducia, amore, fede in Me poiché hai accettato l'ispirazione.
Figlio, ancora molto hai da scrivere, il tempo ancora è lungo, molto hai da fare per portare a termine la tua missione, Io rimarrò con te ti darò la Mia vita. Dammi la tua, la desidero, dammela giorno per giorno, ora per ora, impara a donare a Me la tua vita, così Io verserò su di te la Mia vita e sarò vita per te.
Ti ho affidato una missione, non la rifiutare per salvare una vita amala, amala, come se è data a Me, molto ha bisogno di essere amata, che non si stanca dalla sua sofferenza.
Io la proteggerò affinché il suo e Mio nemico la lascerà. Finché la prende colei come prima è la sua salvezza. Io sono il Medico divino, che abbia fiducia costante.
Ora sai il perché hai incontrato questa Mia figlia piccola, con Me, Giuseppe, ti ho mandato senza alcuno merito tutto è stato dato perchè sarà dato gratuitamente, in voi dovrà esistere fiducia, amore, umiltà. Io Gesù e Maria. Benedicendoti a nome del Padre Mio.



"Persone qualificate nella fede, ...a proprio modo di vedere"
Firenze, martedì 20 Marzo 2007, ore 8.30 – Messaggio della Madonna

Giuseppe Auricchia. “Il mattino del giorno 20 Marzo 2007, sono in chiesa alla Santa Messa delle ore 8.30, alla consacrazione vedo Maria, la Madre di Dio, così dice:”

“Figlio, nel silenzio scrivi. Inizia la settimana santa, Io ti aiuto a superare le barriere degli uomini ingrati che hanno impedito di fare conoscere al mondo le nostre parole, proprio qui, a Firenze, persone qualificate nella fede a proprio modo di vedere.
Tu in questo mare tempestoso ispira la Mia Grazia. Gesù viene dal mare a voi uomini che naufragate nella tempesta dell’anima, ora discende nella vostra anima con la grazia e vi infonde luce e calore.
(Nel buio) della notte Lui vi condurrà nell’amore del Padre. Immolazione, Purificazione, Redenzione per ospitare Gesù.
Figlio che sei stato chiamato, ora va nel linguaggio dell’amore la sua parola, per le anime spira per voi uomini come alito di vento ove riposa e troverà pace e felicità la Mia parola, qui è incompresa nel giusto significato, diversi l’hanno accolta con superbia e orgoglio al suo (proprio) volere.
Il Mio Figlio Divino nel cuore amato in ciascuno di voi cerca riposo.
Mio Figlio Gesù, non parla ai vostri cuori afflitti, ma in voi rimane fiamma che arde, illumina, divampa, che costruisce il tempio. Gesù, dia voce tabernacoli viventi nel silenzio della notte, meritate la Madre che sempre è in supplica per voi.
Figlio Mio, Io Maria sono qui, taci, ascoltami, ti do il cuore, il Mio cuore, la Mia vita. Tu devi scrivere, annunziare, la Mia Grazia: Io ti guardo, coraggio, fiducia, lo Spirito è qui con te nella luce e nell'amore e riceve elementi della tua anima”



"Tu sarai come Noè che non fu creduto e deriso"
25 Marzo 2007 – V Domenica di Quaresima - Messaggio della Madonna

"Cari figli, sono Maria la Mamma di Gesù, la Mamma delle vostre anime, siete sotto il mio manto.
Non temete, non dubitate, Io Maria continuerò l'opera del Mio Gesù. Dove c'è difetto, Io porto la perfezione sugli imperfetti, dove c'è il dubbio, porterò la certezza, dove c'è confusione, porterò la Misericordia Divina.
Non si turbino i vostri cuori confidate a Me che sono la vostra salvezza e redenzione per tutte le anime.
Io, Figlia dell'Onnipotente, Immacolata e Madre dell'Unigenito Gesù, prometto la Sua gloria, il trionfo dell'opera d'amore di Gesù che tutti adoreranno con amore, questo amore che è un fuoco, un fuoco d'amore.
Gesù vuole che il suo trionfo brucia del Suo stesso amore.
Figlio in questi tempi malvagi Gesù vuole rapirti al mondo dai tuoi pensieri delle tragedie attorno a te, perché ti vuole per Lui nel mondo, ma non di questo mondo Gesù viene a te come una luce simile alla luce, che ti diede il Mio figlio prediletto Giovanni il 16 novembre 1997 come Luce, come Fuoco, che arde d'amore e ti brucia d'amore di Gesù.
Piccolo Mio, ti rapisco perché la tua anima venga a Me, in verità ti dico, Gesù ha immerso la tua anima nel Suo costato la introduce presto nella Sua ferita nel Suo cuore.
Io Maria vi sosterrò a tutti nel Mio cuore di Madre.
Ora fai attenzione alle Mie Parole, presto Dio Padre Mi manderà a voi sulla Terra ancora una volta per parlarvi, a voi figli, ultimi richiami dal cielo a questa umanità perversa e incredula.
Per volere di Dio Padre Io riverserò lacrime di sangue, lacrime umane e lacrime di olio per tutti gli ammalati di anima e dei corpo.
Caro figlio, ubbidisci al tuo Vescovo, un giorno non lontano tutti si inchineranno, tutti adoreranno la Volontà del Mio diletto Figlio.
Non temere la Nostra volontà e annunzierai al mondo le Nostre parole, affinché gli uomini capiranno che Gesù è amore e misericordia, e sta per venire sulla Terra, tu sarai come Noè che non fu creduto e deriso.
Figli e figlie ascoltate queste parole, un giorno non lontano ognuno di voi lo vedrà.
Gesù invita tutta l'umanità di mangiare con Lui questa Pasqua perché non sapete se sarà l'ultima Pasqua.
Per volere di Dio tornerò a parlarvi. Benedicendovi, Maria Immacolata"



H  O  M  E