Pagina pubblicata il 24 Ottobre 2012, i nuovi aggiornamenti con la data in rosso

"Desidero che il santo Rosario sia recitato ovunque"
Avola, sabato 1 Luglio 2006, ore 08:30 – Messaggio del Signore Gesù


Giuseppe Auricchia: "Mi trovo in chiesa ad ascoltare la Santa Messa. Prima della Comunione pregavo intensamente per tutti quelli che ne hanno di bisogno, quando ad un tratto, non so... non comprendo più, mi sento trascinare dentro di me come un senso di repressione ed una voce mi dice di avere pietà del santo Rosario, che Gesù e Maria desiderano sia recitato ogni giorno ed in ogni famiglia. Questo mi irrita perché questa osservazione è per me. Prego:
Oh Signore, Ti amo, verità splendente che animi la mente dei Tuoi figli e li trascini dolcemente nel vortice del Tuo amore, che ha il potere di trasformare l’umanità e ricrearla nell’esistenza di queste parole. Sento un profumo, vedo una colomba, una lingua di fuoco, una voce vibrante che dice".

"Sacerdoti, vescovi mentre voi Mi rappresentate sulla Terra, siete diventati non più fieri di recitare il santo Rosario che è la catena dell’Amore, della salvezza di tante anime e del mondo intero.
Io ho promesso al Mio figlio prescelto il Mio disegno divino che doveva venire, per essere testimoniata la Mia presenza in mezzo a voi recitando il Rosario il giovedì, che è il legame che vi unisce a Me nell’orto degli ulivi.
Desidero che il santo Rosario sia recitato ovunque, in ogni luogo, nelle famiglie, nei posti di lavoro. Io sarò in mezzo a voi, vi guarderò uno ad uno e vi benedirò uno ad uno. Ti benedico nel nome della SS.ma Trinità".



"Preghiera... ..."
Firenze, sabato 29 Luglio 2006 - Messaggio del Signore Gesù


Giuseppe Auricchia: "Era venuta la signora che porta Gesù Sacramentato, ho fatto la comunione. Dopo pochi minuti mi sono sistemato sul divano quando ho visto Gesù molto triste che mi diceva:"

"Ti invito a leggere la lettera di S. Paolo capitolo 12.9.21.
L’Amore, che cos’è l’Amore? Leggi e capirai! Voi adoratori del Padre, rendetemi il culto, pregate ed adorate il Padre. I fratelli di oggi cerchino di trovare i tempi, il silenzio ed il raccoglimento da dedicare assolutamente alla preghiera.
Ogni luogo ed ogni tempo sono adatti per pregare. Voi adorate, contemplate e vivete in Dio ovunque, questa è la preghiera che vi chiedo. E’ giunto il momento in cui i veri adoratori adorino il Padre in Spirito e Verità, perché il Padre cerca tali adoratori.
Leggete Giovanni 8.3.24
La preghiera, sia la vera preghiera e così sarete in comunione con Dio. E’ necessario fare silenzio, stare lontano da ogni chiasso, fare zittire la vostra fantasia, la memoria, la mente, il cuore, ma soprattutto il vostro io, diversamente continuando così sono solo chiacchiere con voi stessi.
Senza pregare, correte il rischio di recitare la preghiera senza avere assolutamente pregato, perché non siete entrati in comunione con Dio.
Allora è necessario staccare la spina, solo così entrate in colloquio ed ascolto con Dio. Senza la preghiera, nell’apostolato, invece di portare Gesù portate voi stessi. Senza la preghiera, la Carità diventa assistenza sociale svuotata di spirito. Senza la preghiera, il cammino spirituale è asfittico e vi troverete sempre al palo di partenza, con una fede superficiale che ha bisogno della stampella.
La preghiera è una letteratura immensa, è una perforatrice, ma soprattutto la preghiera vi nutre di elementi della parola di Dio che ognuno avete nella parola della vostra vita. La preghiera sia la preghiera del cuore, perché è il Mio cuore che soffre di un’ardente amore con tutte le Mie fibre nel Mio Essere Divino che vi ho portato attraverso il Sacramento del Mio Corpo.
Figli, pregate, pregate per questo mondo di oggi che più che mai ha bisogno delle vostre preghiere. Benedicendoti nel nome della SS. Trinità".



"Fate di Gesù il vostro modello di vita"
Firenze, domenica 30 Luglio 2006 - Messaggio della Madonna


Giuseppe Auricchia: "Sono ricoverato all’ospedale e fermo in letto per 30 giorni.
Il mio pensiero era presente nel luogo delle apparizioni vicino a tutti i fratelli accorsi per pregare Maria ed udire la Sua presenza, ma per la mia impossibilità di essere presente piangevo e pregavo Gesù e Maria, quando ho sentito un profumo di rose che mi annebbia la mente e vedo Maria che mi dice".


"Non piangere. Sono qui con te, ti porto Gesù, abbi fiducia.
In verità ti dico: sei con Maria, insieme a Maria. Io Mi offrii a Gesù ed a Dio Padre.
Cogli il Mio esempio, cedi gli stessi sentimenti di fede profonda ed assoluta alla volontà di Dio Padre.
Offri a Gesù le tue sofferenze e le tue pene, come quando nella Santa Comunione ricevete Gesù con cuore puro.
Lasciate le cose vane di questo mondo, i piaceri mondani che sono la causa della stanchezza della vostra vita, e solo ricevendolo nella vostra anima pura, sarà come l’accoglierlo nel Mio grembo, nel cuore di Maria che è la gioia che cantavi nell’inno del Mio Magnificat.
Il Signore è lo Spirito che esulta in Dio, il Mio Gesù che vi comporta a vivere la grazia della Sua amicizia nella Sua luce, quale che sia la via che dovete seguire.
Nella verità in cui credete, fate che Egli sia il vostro Maestro, ascoltatelo e fate che sia il modello in cui esplicherete la vostra vita scegliendo anche quella da seguire.
Non temere, io sarò con te tutti i giorni. Benedicendoti nel nome di Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo".



H  O  M  E