"Dove c’è guerra non c’è Dio ma solo satana"
Avola, 15 Gennaio 2005 ore 12:30 – Messaggio del Signore Gesù

Figlio sii calmo. Dando perfino la tua vita per l’altro, questo è l’atto più grande dell’uomo che ama Dio ed il prossimo, poiché dare la propria vita per il proprio fratello è superare l’amore per se stesso, uccidendo il proprio io ed il proprio egoismo e mettere se stessi al di sotto dell’amore che è per voi stessi.
Quindi ricordati: amare gli altri non come vi amate voi stessi e questo è l’atto più grande, il più sublime, il più meraviglioso che può fare l’uomo quando ama Dio al di sopra di se stesso.
Amatevi con la comprensione reciproca, senza discutere e perdonandovi vicendevolmente prima ancora che l’altro vi offende e che l’altro non abbia ancora finito l’offesa verso di voi e già l’avete perdonato.
E’ difficile per l’uomo compiere questo atto ma non è difficile per il Signore, ma l’uomo che vive col Dio nel cuore, sarà Dio ad operare in lui e tutto può realizzare in terra, persino il totale perdono delle offese, abusi, insulti, violenze nell’essere umano che riesce a fare in terra quando è lontano da Dio. Amatevi l’uno con l’altro senza barbarie, senza violenza, senza guerra, poiché dove c’è guerra non c’è Dio ma solo satana.
Amatevi di un sapore umano ma anche di un sapore divino. Voi siete naturali e sopranaturali per ciò che concerne lo spirito, quindi amatevi ambedue le sostanze che hanno lo stesso binario, ma mete diverse. Il naturale torna alla natura, cioè il corpo. Il sopranaturale torna al creatore che è lo Spirito.
Quindi, oh uomo o donna che vi amate, chi vi caccerà dal vostro animo se non sarete soggiogati ed influenzati dal diabolico vostro e Mio nemico satana, poiché dove c’è lui non posso esserci Io, perché la sua bruttezza interiore, è l’ottico velenoso, il mio acerrimo nemico sulla terra perché siete agli ultimi tempi. Per questo vi dico, amate ambedue le sostanze che hanno lo stesso binario. Benedicendovi".



Messaggio pubblico della Madonna del Pino

Avola, domenica 30 gennaio 2005, ore 12

Cari figli, ascoltate bene le parole della Regina del Cielo, seguitemi con le vostre preghiere: il cuore di mio Figlio è straziato dalle offese degli uomini, la mia mano è stanca di trattenere le tenebre.
Ho percorso il mondo supplicandovi di fare atti di adorazione e riparazione, ma i miei richiami sono caduti nelle orecchie che non vogliono intendere.
Molti siete caduti nel cammino facile, il cammino che vi conduce alle tenebre.
Non lasciatevi ingannare dall’astuzia di satana, ma ricordatevi che l’errore e la menzogna non hanno potuto fare luce nella mente degli uomini per condurre gli uomini alla verità.
Il vizio della menzogna fomenta i cuori corrotti e porta ai piaceri della carne e delle cose mondane.
Io Madre di Dio, non posso essere contenta nel vedere tutto questo sconquasso.
E’ facile essere in mezzo a voi, ma come potrei fermare la pazzia che vi divora la mente ed il pensiero, imbestialendo il corpo?
Io la Mamma di Dio vengo tramite il mio strumento che vi annuncia le mie parole, sente le mie parole di vita eterna.
Strumento mio, io ho dato e do al mondo parole di vita eterna.
Io sono la Mamma, quella nascosta, che vi ama, vi parla da secoli, attraverso i figli prescelti.
Io sono e sarò sempre la Madre di Dio, la vita stessa di Dio, la sapienza di Dio che vi illumina con il mio divino sapere.
E voi figli prescelti con le vostre parole illuminate il mondo.
O sacerdoti miei, ognuno di voi è chiamato in questa tremenda ora; distribuite ai vostri fratelli e sorelle, ed al mondo intero, le divine melodie della Divina Orchestra .
Gesù è il vostro Divino Maestro che vi dirige con la sua mano divina e la strategia di insegnamenti divini.
O sacerdoti miei aprite le vostre menti, Vescovi aprite i vostri cuori, non siate ciechi e sordi perché Gesù sta per venire, è vicino il suo Regno.
Voi tutti figli miei aprite i vostri cuori!
Io sto bussando, busso, busso e busserò ancora alla vostra porta e finché entrerò nella mia dimora sarò sempre con voi.
Grazie che siete venuti, vi parlerò ancora l’ultima domenica di febbraio.
Benedicendovi nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Maria Santissima



Messaggio pubblico della Madonna del Pino
Avola, domenica 27 febbraio 2005

Figli cari, io sono la Vergine, Maria Santissima e vengo a voi in questo tempo di Quaresima, tempo di riflessione, di meditazione, di riconciliazione tra l’uomo e Dio.
In questo tempo di grazia, io desidero la preghiera del cuore, il Santo Rosario, penitenza, digiuno, carità, amore.
Pregate figli Miei intensamente, perché il Regno dei Cieli è vicino a voi.
Io sono triste più che mai per questo popolo ai piedi di questa collina.
Sacerdoti e laici non avete capito che questo luogo santo e benedetto è stato scelto da Dio Padre?
Io parlo da questo luogo al mondo intero, lo ripeto ancora, diffondo tutti i pensieri del mio messaggio dando a ciascuno di voi nel cuore il coraggio di testimoniare la mia Verità.
Non desidero alcun tumulto sulla mia collina, nessun uomo può dare ciò che mio Figlio da nel suo silenzio.
Ricordatevi tutti: in questa collina per mio volere e quello di Gesù Cristo è stata piantata la Croce di Spirito e Verità.
Uomo tu non hai capito: è necessario che sappi, essa è stata elevata nel Mio pensiero ed in quello del Padre e domina in questo luogo, che trovasi al centro delle 2 città e: sarà terribile e temibile per quelli che
la ostacolano.
Voi Sacerdoti aprite i vostri occhi, la vostra mente, la vostra bocca per parlare, alzate la vostra mano per benedire, non siate ostili alla verità di Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo.
Grazie che siete venuti, Io vi parlerò ancora l’ultima settimana di Marzo.
Benedicendovi nel nome del Padre, del Figlio e della Spirito Santo.
Maria Santissima



Messaggio pubblico della Madonna del Pino

Avola, domenica 27 Marzo 2005,  ore 12

Cari figli, oggi è un giorno glorioso perché la Chiesa celebra l’ascesa del corpo glorioso di Mio Figlio dalle viscere della terra, da dove fece risorgere quelle anime degne del cielo, che erano morte.
Gli angeli sostenevano e guidavano queste anime per essere accolte nella gloria di Dio.
Questo è un giorno di ricordo, perché segnala il giorno in cui risorgerete con Lui e nella vostra resurrezione è la Sua vittoria sulla morte .
La vostra vittoria sarà condivisa con Lui, se sarete salvati.
Osservate con fede la gloriosa Resurrezione di Mio Figlio con l’esplosione di luce brillante.
Osservate i vostri corpi gloriosi che avrete un giorno.
Abbiate fede in Lui che porterà una volta ancora il Suo trionfo su questa epoca malvagia.
Sopportate questa epoca perché la vittoria di Mio Figlio sarà manifestata.
Abbiate speranza.
Sappiate che la battaglia sarà vinta per voi, con il Suo potere supererà ogni male.
Adorate Dio .
Adorando Dio, invocando Maria la madre vostra, la vostra salvezza è sicura , come sicura è stata la Resurrezione di Mio Figlio che ha sconfitto tutte le forze delle tenebre.
Grazie che siete venuti.
Vi parlerò l’ultima domenica di aprile.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Maria Santissima



Messaggio pubblico della Madonna del Pino

Avola, domenica 24 aprile 2005, ore 12

Cari figli,oggi vi porto la Luce di mio Figlio.
Questo è il messaggio: vivere nella Luce che vi annuncio.
Portate questa Luce a tutti gli uomini della terra.
Se non siete in comunione con questa Luce siete nelle tenebre.
Se non mettete in pratica i miei messaggi e la Verità, non siete nella sua luce perché Lui è la Luce del mondo.
Il sangue prezioso di Mio Figlio vi purificherà da ogni peccato.
Se voi dite che siete senza peccato, ingannate voi stessi e la Verità non esiste in voi.
Riconoscete i vostri peccati , Gesù è fedele e giusto, perdona i vostri peccati e vi purificherà da ogni colpa.
Se dite che siete senza peccato, voi fate di Lui un bugiardo.
Attenti uomini, siete voi i bugiardi.
In verità vi dico, che la Sua Parola non esiste in voi, perché siete voi che vivete nella menzogna e nelle tenebre.
Se qualcuno di voi vive nel peccato, che abbia un avvocato, che è il Padre di Gesù Cristo e Padre vostro che è giusto, è Luce e vittima dei vostri peccati e di quelli di tutto il mondo.
Grazie che siete venuti vi parlerò l’ultima domenica di Maggio.
E benedicendovi nel Santo nome di Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo.
Maria Santissima



“Io dal Cielo vi benedico”
Avola, domenica 15 maggio 2005 - Messaggio di Giovanni Paolo II

Giuseppe Auricchia.
“È la domenica di Pentecoste. Ero alla Santa Messa, dopo la comunione ho visto una lingua di fuoco d’innanzi ai miei occhi, un soffio di vento, un profumo che di questo profumo la gente è rimasta impressionata. Era il mio Maestro, così mi dice”.

Cristo Gesù.
“Guarda figlio, il Mio amato Giovanni Paolo II, lui ti parlerà e tu lo comunicherai a tutti”.

Giuseppe Auricchia.
“Ecco Giovanni Paolo II, sembrava un fiore appena sbocciato e cosi disse”.

Giovanni Paolo II.
“Io sono nel Cielo, dal Cielo vi benedico tutti.
Dal cielo mando a voi e a tutta l’umanità una grande speranza, da tutti gli angoli della Terra arrivano in Cielo messaggi e preghiere dal frutto seminato dalle mie mani, dalla mia intelligenza, dalla grande missione evangelica e ogni evangelizzazione portata da me ad ogni angolo della Terra.
Voi non immaginate ma sono tante le dimostrazioni di affetto per la mia sofferenza e persecuzione in Terra.
Figli vi dico, giorno dopo giorno, scerbatevi di quel pane eucaristico.
Dio vi aspetta e diventerete anche voi eucaristia e figli di Dio, completandola, parteciperete alla passione di Cristo in forza del pane eucaristico.
Io dal Cielo ancora sarò la vostra guida per volere di Dio per i giorni che verranno.
Cosi comprenderete ancora, meglio che è l’eucaristia che redime e vi farà figli del Dio vero.
Adorate Colui che giorno per giorno vi guida in questa era malvagia in cui satana inventore e maestro della menzogna sta distruggendo tante anime, tante famiglie al suo volere e molti di voi lo seguite perché siete in possesso di lui.
Vi prego non ascoltate la sua parola ma quella della Chiesa.
Io dal Cielo vi benedico , non più dalla Terra e dal Cielo vi giungano in abbondanza la speranza d’amore, di pace che io chiedo a Gesù con le mie preghiere per questa umanità corrotta e corruttibile che continua nella superbia a non amare Dio. Pregate, pregate”.



Messaggio pubblico della Madonna del Pino

Avola, domenica 29 maggio 2005

Cari figli, oggi in questo giorno santo in cui la Chiesa festeggia il Corpo ed il Sangue di Mio Figlio Gesù, dono per far conoscere agli uomini che fino ad oggi non hanno capito ed i loro cuori si sono induriti, sono venuta per portarvi il fuoco ardente della legge d’amore del Mio Divin Figlio affinché possa diffondersi e distruggere l’enorme ghiaccio che vi circonda.
Umanità ascolta la Regina del Cielo.
Uscite dal legame del demonio che vi incatena in questa epoca malvagia, avvicinatevi di più alla vostra Madre Celeste, non vedete che siete prigionieri delle superstizioni, della leggi diaboliche?
Uscite da questa tirannia che vi fa schiavi di satana.
Venite a Me, in questa verità riconoscerete Colui che vi ha creati, e che è Verità, Vita, Luce che vi illumina.
A te dico: figlio prescelto dillo a tutti coloro che si sono allontanati da questo luogo santo, quanto è dolce vivere nella verità e non nella menzogna di satana.
Dillo a queste creature che esiste un Padre che vede tutto e prevede tutto, dillo che non li abbandonerò mai nelle disgrazie della loro vita.
Di loro che vengano a Me ed Io la Madre di Dio li aiuterò ed imprimerò in loro il Mio materno amore.
A voi  Sacerdoti dico: figli Miei amati che in questo giorno celebrate il Corpo di Mio Figlio, vi esorto a fare conoscere al Mio popolo questo Amore Misericordioso che il Mio cuore nutre per gli uomini.
Venite a Me, il Mio cuore è come una sorgente di salvezza che si apre a voi refrigerante e piacevole, che ristora i vostri cuori e guarisce i vostri corpi.
Troverete la felicità, la gioia e godrete la luce di DIO che viene dal Suo Regno e vi illumina la via per raggiungere il Regno del Padre
Grazie che siete venuti.
Vi parlerò ancora l’ultima domenica di giugno.
Benedicendovi tutti nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.



Messaggio pubblico della Madonna del Pino

Avola, domenica 26 giugno 2005

Cari figli, Io sono venuta perché tutti abbiano la possibilità di udire la Mia voce e la Mia Santa Volontà.
La Mia voce risuona per raggiungere tutti gli abitanti della terra.
Nessuno può più dire che Dio non li ha avvertiti.
Da una nazione all’altra lo Spirito d’Amore si diffonde su tutta la terra.
Dio ha inviato e sta inviando veggenti e messaggeri, profeti degli ultimi tempi, con insistenza per ricordarvi che il vostro Padre vuole distogliervi da ogni male.
Io vengo per fermarvi dalle teorie idolatriche dei senza Dio.
Sono venuta a ricordarvi che tutti i Santi Precetti dovete viverli nella santità, perché santo è il Mio Divin Figlio.
E così sarete meritevoli di incontrarLo al Suo ritorno.
L’umanità è sorda, non cambia vita, è immersa come vittima di satana nel suo peccato di orgoglio, di superbia, di violenza, di corruzione, di egoismo, di impurità, e non crede alle Nostre parole.
Questo rifiuto è il peggiore e vi fa precipitare nell’inferno.
Poveri figli Miei, come non dare credito al grido del Mio cuore straziato di Madre, un grido che dovrebbe mettervi in guardia, un grido che non ha più eco.
Io sono esausta perché non ascoltate il grido che illumina le vostre anime.
Beati coloro che ascoltano questo grido e pregheranno il Mio Divin Figlio.
Vai figlio, corri, sii premuroso e prepara la gente affinché non si trovi sprovvista al Suo Ritorno.
Beati siano coloro che ti accoglieranno e ti riceveranno nella loro casa, dillo a tutti che resteranno con noi.
La porta è aperta, entreranno, e benedetti saranno e riposeranno nel giardino nel Mio Divin Figlio.
Grazie che siete venuti, vi parlerò ancora l’ultima domenica di Luglio.
Benedicendovi nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.



“Tutto questo proviene da una croce alta sul monte”
Avola, mercoledì 29 giugno 2005 - Messaggio dei SS. Pietro e Paolo

Giuseppe Auricchia.
“Sono in chiesa per la S. Messa festa degli apostoli SS. Pietro e Paolo. Durante la consacrazione vedo i due apostoli a fianco dell’altare uno a destra e uno a sinistra ma vedo ancora, quando il sacerdote innalza il calice per consacrare il vino, dal calice uscire un pezzettino di pane inzuppato di sangue. Lo guardavo con aria spaurita sento una voce era San Paolo, cosi diceva”.

San Paolo.
Il tempo è arrivato, Dio non può aspettare perché il principe del male sta cercando con tutta la sua falsità e menzogna di distruggere l’umanità e le famiglie.
Dio è costretto a mandare il Suo Spirito Santo di Verità, di Giustizia, di Guarigione e di Potenza per salvare l’umanità prima che arrivi il castigo, ma l’umanità è sorda e cieca anche nella preghiera di lode a Dio”.

San Pietro.
"State uniti, amatevi perché Dio vi ama.
Se tutti gli uomini della Terra risorgeranno nel Suo amore radioso, santa sarà la Sua Chiesa.
L’amore è opera di Dio ed è il seme della parola della vostra vita.
L’amore che nel cuore glorioso viene consumato nel mistero della immolazione.
Tutto questo Dio sta facendo e accadrà in una grande terra rossa piena di dolore, di pianto, di sconforto e di morte.
Ti dico che nel Suo grande cuore germoglia il Suo amore e la Sua pace e che sta dilatando il fuoco ardente dell’amore fraterno che è l’amore universale.
Tutto questo proviene da una croce alta sul monte.
Questo monte è il calvario dei figli di Dio. E dal quel monte manda dei raggi di luce celeste in tutta la Terra.
I raggi vi permetteranno di vedere quello che sarà il vostro futuro.
Questo futuro non è molto lontano.
In questo giorno di festa in Cielo ed in Terra, vi invitiamo di pregare, fare pregare, convertire la gente per il ritorno di Dio.
E benedicendoti nel nome Santo di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo”.



H  O  M  E